In questa sezione del nostro sito, proponiamo una selezione di notizie che riteniamo interessanti. Vi invitiamo a leggerle e, se ritenete, a lasciare i vostri commenti.

Il valore della confessione

by Andrea Cito

Se l’attore non contesta la confessione, essa fa piena prova anche per i fatti favorevoli al convenuto.  

Con la recente sentenza n° 2571 del 17 Maggio 2017, il Giudice del Tribunale di Torino  – nell’ambito di una controversia avente ad oggetto l’impugnazione di un testamento per violazione della quota di legittima – ha ribadito il consolidato orientamento della Corte Suprema di Cassazione.

Assegno divorzile

by Maria Chiara Venturelli

Il coniuge divorziato ha diritto all’assegno di mantenimento solo se non riesce ad essere economicamente autonomo e non per mantenere il tenore di vita goduto nel matrimonio ormai estinto.  

è questo il principio innovativo espresso dalla sentenza n. 11504 del 10 maggio 2017,  con cui la Suprema Corte di Cassazione ha definitivamente mutato il proprio orientamento in materia di assegno divorzile.

Danno Tanatologico

by Roberto Atzei

Le Sezioni Unite civili della Corte di Cassazione confermano la sentenza della Corte d’Appello di Torino che ha negato la risarcibilità del danno da perdita della vita.

In conseguenza di un incidente stradale, nel quale due automobili si erano scontrate frontalmente, uno dei conducenti, che guidava a velocità eccessiva e non aveva indossato la cintura di sicurezza, aveva trovato la morte per effetto della guida dell’altro conducente, il quale aveva effettuato una svolta a sinistra per immettersi in un’area privata, violando l’obbligo di dare precedenza.

Prescrizione Tributaria

by Sabrina Fichera

Solo una sentenza passata in giudicato o un accertamento divenuto definitivo prima dell'emissione della cartella esattoriale trasformano la prescrizione dei tributi e degli interessi da quinquennale a decennale. Le sanzioni si prescrivono sempre in cinque anni ai sensi dell'art. 20 del d.lg. n° 472/1997.

Inoltre, se l'Agente della riscossione (Equitalia) rimane inerte e determina la prescrizione dei tributi, sono sempre a suo carico le spese di lite del ricorso presentato dal contribuente, anche quando sia rimasto contumace.

Responsabilità medica: la Corte d'Appello di Torino ribadisce la natura contrattuale

by Civilisti & Penalisti Associati

 LA RESPONSABILITà MEDICA RIENTRA SEMPRE NEL "SOTTOSISTEMA"  DELLA RESPONSABILITÀ CIVILE CONTRATTUALE

Con una recente pronuncia, la Corte d’Appello di Torino, confermando la sentenza emessa dal Giudice di primo grado, ha riaffermato, in maniera assai dettagliata, quali debbano intendersi i principi di diritto in tema di responsabilità medica, da considerarsi sempre come un sottosistema della responsabilità civile di natura contrattuale.

Responsabilità medica

by Roberto Atzei

L’eliminazione della malattia e la completa guarigione non sono mai in grado di compensare la lesione della libertà di autodeterminazione del paziente quando l’atto terapeutico non è stato preceduto da completa informazione e assentito con un consenso libero e consapevole.

Con la sentenza n° 12205 del 12 giugno 2015, la Sezione III Civile della Corte Suprema di Cassazione, annullando una decisione della Corte d’Appello di L’Aquila e confermando orientamenti giurisprudenziali consolidati in materia di responsabilità civile medica, ha colto l’occasione per precisare quali siano i danni risarcibili derivanti dall’attività del medico esercitata in assenza di un valido consenso informato rilasciato dal paziente.

Responsabilità medica: nascere è sempre un dono desiderabile?

by Civilisti & Penalisti Associati

 OLTRE AL DIRITTO A "NASCERE SANO"  L'ESSERE UMANO HA ANCHE IL DIRITTO A "NON NASCERE SE NON SANO"? 

La Corte Suprema di Cassazione, con l’ordinanza n° 3569 del 23 febbraio 2015, si interroga sulla questione e ne demanda la soluzione alle Sezioni Unite.

Amministrazione di sostegno

by Roberto Atzei

Anche in caso di totale incapacità a provvedere ai propri interessi, il Giudice tutelare, prima di procedere con l’interdizione, deve sentire l’interessato per verificare se la misura di protezione introdotta dalla legge n° 6/2004 sia adeguata alla situazione.

Il decreto in analisi, emesso dal Giudice tutelare di Torino, si presenta molto interessante in quanto ribadisce l’orientamento per il quale l’amministrazione di sostegno è intesa come principale misura di protezione a favore di soggetti privi di autonomia, mentre l’interdizione rappresenta strumento residuale adottabile quando ogni altro risulti insufficiente.

Processo Telematico: se la copia di cortesia diventa obbligatoria

by Civilisti & Penalisti Associati

LA VIOLAZIONE  DEL PROTOCOLLO D'INTESA TRA TRIBUNALE E ORDINE DEGLI AVVOCATI  DIVENTA FONTE DI RESPONSABILITA' PROCESSUALE AGGRAVATA. 

Con un decreto depositato il 15 gennaio 2015, il Tribunale di Milano ha ritenuto fonte di responsabilità aggravata per la parte soccombente il mancato deposito della copia cartacea di "cortesia" di una memoria conclusiva in un procedimento di opposizione allo stato passivo di un fallimento, nonostante il tempestivo deposito dell'atto in forma telematica da parte del difensore.

Si tratta di un provvedimento destinato a far discutere sotto diversi aspetti.